Adriana Iozzia nasce a Modica, inizia giovanissima lo studio del violino e successivamente intraprende lo studio del canto, diplomandosi al Conservatorio “A. Boito” di Parma e ottenendo la Laurea al Conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara. Si perfeziona con Renata Scotto all’Accademia Santa Cecilia di Roma e con Mirella Freni presso il Centro Universale del BelCanto di Vignola. Attualmente prosegue lo studio del repertorio con Fiorenza Cedolins. 

Adriana Iozzia è vincitrice del Concorso Internazionale “V. Bellini” di Caltanissetta, il Concorso Nazionale “Paolo Randazzo”, il “Premio del Mediterraneo”, il "Concorso Internazionale Caffarelli" di Bari, il "Concorso Internazionale Città di Ferrara".

Debutta nell’agosto 2011 al Cantarena Opera Festival di Béziers in Francia come Pamina in Die Zauberflöte. Nel 2012 prende parte al Concerto di Gala “Viva Verdi” con L’Opera Nazionale Macedone di Skopje dove nel 2012 torna come Liù di Turandot e nel 2013 come Rosina ne Il barbiere di Siviglia e Mimì nella Bohème. E’ stata Lucia di Lammermoor per Firenze Lirica, Gilda in Rigoletto al Teatro Belloni di Milano, Tebaldo in Don Carlo presso il Teatro Politeama di Lecce, Mimì de La Bohème al Teatro Fenaroli di Lanciano e Traviata al Teatro dell'Opera Giocosa di Savona. E' stata nuovamente Violetta Valery al Teatro De Micheli di Copparo e al Teatro Comunale di Ferrara. Tra gli ultimi impegni, Lola in Cavalleria Rusticana all'Opera Giocosa di Savona, l'apprezzatissimo debutto come Amalia ne I Masnadieri di G. Verdi al Festival Verdi di Parma 2016 e ancora Violetta Valery al Teatro Comunale di Bologna. Ha tenuto un Recital su repertorio verdiano francese per i "Mezzogiorno in Musica" del Teatro Regio di Parma ed è stata protagonista dello spettacolo "Traviata, l'intelligenza del cuore" presso il Teatro Farnese di Parma.